Correre con il caldo. Consigli per un’estate rovente

0
431

Lucifero. Caronte. Scipione. Il caldo infernale non molla la presa e mette a dura prova la nostra resistenza alle elevate temperature. Si fatica a dormire, nelle ore di punta è complicato semplicemente uscire a comprare il giornale, figuriamoci allenarsi. Proprio come il cambiamento di altitudine, il clima estivo propone vere e proprie sfide ai runner. Come si può continuare a correre con il caldo?

Se non siete in villeggiatura e quindi non potete sfruttare la brezza marina o meglio ancora il refrigerio della montagna il consiglio è quello, almeno nel periodo dei picchi di calore, di abbassare le aspettative e di comportarsi in modo ragionevole.

Correre con il caldo è a volte complicato per una serie di ragioni che includono temperatura, umidità ed esposizione al sole. Il calore è naturalmente l’ostacolo più ostico. Il caldo aumenta la temperatura interna del corpo rendendo più faticosa l’azione di correre.

Gli alti livelli di umidità contrastano l’evaporazione del sudore dalla nostra pelle rallentando il meccanismo di raffreddamento. Anche i bassi livelli di umidità, percepiti negli ambienti più aridi, possono avere effetti negativi perché aumentano la perdita di liquidi a cui fa seguito la disidratazione. Ciò comporta un lavoro extra per il nostro apparato cardiaco.

Ecco perché, quando le condizioni, sono al limite, è meglio rallentare e richiedere meno sforzi al nostro corpo.

Qual è quindi il modo per continuare ad allenarsi e a correre con il caldo?
  1. Abbassa le aspettative e rallenta il ritmo rispetto alle normali andature che tieni in allenamento
  2. Esci a correre la mattina presto quando la temperatura è bassa e i raggi del sole più deboli
  3. Cerca percorsi ombreggiati, meglio nei boschi ed evita il più possibile l’asfalto
  4. Usa abbigliamento da running appropriato, in materiale tecnico che non assorba il sudore. Ricorda che i colori chiari riflettono anziché assorbire l’energia del sole
  5. Parti già idratato (bevi prima di uscire) e cerca di bere lungo il percorso attrezzandoti in modo adeguato o programmando un percorso che prevede delle fontane

6. Usa i periodi più caldi dell’anno come momenti di rigenerazione e approfitta per dedicarti ad attività alternative: nuoto, bici, yoga, pilates.

SHARE
Previous articleMaggio, è tempo di rimettersi in forma. Affronta la tua sfida
Next articlePlank per avere addominali scolpiti e postura perfetta
“Giornalista, copywriter, addetto stampa e content editor è stata suo malgrado travolta dall’uragano running che le ha segnato il destino. Ha un papà runner, un marito runner, una figlia che pratica atletica nelle categorie giovanili e un figlio chiamato Marcello in tributo al grande Fiasconaro. Serve altro? Collabora alla rivista Correre, si occupa in modo professionale di analisi della corsa e del movimento e ha un lungo trascorso nell’organizzazione di eventi: dal Giro d’Italia alla Milano Marathon, dalla Mezza di Monza agli eventi running targati Gazzetta”.