Cosa è meglio mangiare prima della corsa?

0
663

Che tu sia un principiante o un runner di lungo corso, una delle domande che ti sarai posto più di una volta è: “cosa è meglio mangiare prima dell’allenamento o di una gara?”

Intorno a questo argomento ci sono molte e svariati pareri e probabilmente già da qui possiamo ricavare una parte della risposta: ovvero, siamo tutti diversi, abbiamo abitudini e metabolismi diversi, dunque le soluzioni andrebbero adattate e calibrate in modo personalizzato.

E fin qui ok. Ma come faccio a capire cosa è meglio per me? Semplice. Con l’esperienza.

E’ opinione diffusa che prima di una gara sia importante ingurgitare una grande quantità di pasta o carboidrati in generale. I corridori, i maratoneti e i triatleti devono effettivamente viaggiare a scorte piene ma la distanza che devono affrontare il giorno dopo è davvero significativa. Chi invece si cimenta in una normale competizione su percorsi ridotti non ha necessità di forzare nulla nell’alimentazione, anzi è meglio che rimanga leggero per non compromettere la buona qualità del sonno.

Allora, che cosa si dovrebbe mangiare prima di una corsa? La risposta a questa domanda dipende in gran parte da quanto tempo si prevede di correre. In generale è bene trovare un giusto equilibrio tra un’adeguata quantità di carboidrati e una piccola quantità di proteine. L’importante però è che al momento di partire la digestione sia completata, una buona regola è, come ama ripetere il nutrizionista Luca Specianipartire a scorte piene e stomaco vuoto“.

Quindi la nostra attenzione dovrà necessariamente rivolgersi alla tempistica. Nelle tre ore prima di un impegno sportivo è meglio non assumere nulla. Per chi proprio non resiste ci sono in commercio carboidrati in gel (o liquidi) che però vanno assunti almeno un’ora e mezza prima. In questo caso è sempre meglio testarli più volte per verificare la reazione del nostro corpo.

Se l’intervallo di tempo è compreso fra le 3 e le 6 ore scegliere prevalentemente una normale porzione di carboidrati che richiede una digestione inferiore rispetto alle proteine e ai grassi. Se l’intervallo è superiore alle 6 ore si può mangiare normalmente, evitando quantità eccessive di verdure che potrebbero causare fastidi intestinali.

Per quanto riguarda la colazione, sempre tenendo presente la regola delle 3 ore, comportarsi come al solito, senza grossi stravolgimenti con l’unica accortezza di limitare il consumo di latte per le sue note complessità digestive.

E tu come ti comporti dal punto di vista alimentare prima di una corsa?

SHARE
Previous articleMilano Marathon una settimana dopo: quante emozioni nel mio cuore!
Next articleChe giocatore sei? evoSPEED o evoPOWER?
“Giornalista, copywriter, addetto stampa e content editor è stata suo malgrado travolta dall’uragano running che le ha segnato il destino. Ha un papà runner, un marito runner, una figlia che pratica atletica nelle categorie giovanili e un figlio chiamato Marcello in tributo al grande Fiasconaro. Serve altro? Collabora alla rivista Correre, si occupa in modo professionale di analisi della corsa e del movimento e ha un lungo trascorso nell’organizzazione di eventi: dal Giro d’Italia alla Milano Marathon, dalla Mezza di Monza agli eventi running targati Gazzetta”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here